mercoledì 4 luglio 2012

L'ulivo e la vite

C'è una pianta di ulivo vicino la mia tenda.
Una volta era nella veranda di casa mia... mia madre l'ha presa e portata con noi, come per tener vicino a noi la nostra casetta...

...l'altro giorno sono entrata e ci ho spazzato un po'..come per liberarla dai frantumi di questa tristezza...
...spazzavo dolcemente, come accarezzandola...
Le ho persino parlato.....dovevo farmi perdonare quando, anni fa, gliene dissi di tutti i colori....

----------------------------------------------------------------------------------------------------------

Fine 2004, inizio 2005 io e mia madre venimmo ad abitare qui, avevo 18/19 anni.
Non ero per nulla contenta di questo; era l'ennesimo cambiamento della mia vita.
Casa dopo casa, situazione dopo situazione, avevo fatto i miei salti mortali per trovare un equilibrio e dei punti di riferimento. Non che fossi attaccata al paese dove vivevo, anzi al contrario, ma non avevo voglia di riadattarmi a una nuova situazione che forse sarebbe stata peggiore di quelle precedenti.
Questa nuova casa era in una piccola frazione, in una campagna che vedevo semi-desolata, 2/3 negozi,pochi mezzi di trasporto per una ragazza che non aveva ancora la sua auto. Era un inferno per me...
Litigai amaramente con mia madre per questa scelta.
Ebbi parole molto aspre per lei e per la casa.
Ero stata parecchio sballottata gli anni prima, per diversi motivi.
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------

Non avrei mai creduto di amare così tanto questo posto e questa casa, che chiamo finalmente "mia".
Mi sono perdonata e credo che mi abbia perdonato anche lei. Le ho detto di resistere, che ce la dobbiamo fare a uscire interi da questa situazione. L'ho abbracciata col cuore...
Molti mi dicono che se anche cadrà, me ne ricostruiranno un'altra, ma io voglio questa..
Forse lo si comprende quando si sta perdendo tutto...ma la casa non solo solo mattoni impilati....
Nella casa ci sono sacrifici e sudore....ci sono momenti brutti e momenti belli..Il contenitore della tua vita e delle tue emozioni, che ti avvolge e ti protegge...
Ci sono tutte le tue cose...anche se giri mezzo mondo, la sera stanca ritrovavo il mio li....
Quelle mura spesse che isolano dal calore estivo e danno una naturale freschezza, meglio di un condizionatore....
..non dovrei, ma a volte furtivamente torno per godermi un po' del suo fresco respiro...penso che se anche tutto mi cadesse addosso, morirei al fresco e contenta....poi mi riprendo e mi obbligo a uscire...

...Sta li, ferita e tumefatta ma imponente e ancora in piedi, sembra salutarmi e minimizzare, come per dire che se anche si è fatta male, sopravviverà perché robusta, è forte...io impotente non posso che sperare che sarà così....



Guardo il mio alberino di ulivo vicino la tenda...
Ulivo, simbolo di pace...
Ho capito che perdonare non significa subire, ma capire...
Ho fatto pace col mio passato....
Ho fatto pace con la vita....
Ho fatto pace con la mia casa....e spero di poterci vivere ancora.... prima o poi...

2 agosto 2012

Avevo anche una vite che avvolgeva l'intera facciata della casa, ogni autunno ci regalava tantissima buona uva e un fresco refrigerio. Purtroppo, un po'perchè abbiamo rimosso diversi rami per valutare le crepe, un po' perchè non siamo riuscite ad innafiarla con costanza, si è quasi tutta rinsecchita, con grandissimo dispiacere.
Da qualche settimana mia madre ha ripreso ad innaffiarla e...tac! È spuntato un nuovo germoglio, un nuovo principio di vita!
Vedendo questo, mi ha detto sorpresa :"Pazzesco come le piante ricrescono! Basta un goccio d'acqua e son giá pronte a ricominciare...
La vita insiste per farsi strada, anche in mezzo alla distruzione!"


...poi son passata al campo e l'ho trovato li il mio ulivo, ancora più bello e rigoglioso di prima, ha fatto persino le olive!!! Che bello! Non solo si è ambientato, ma sta persino meglio...ha trovato una buon' aria e terreno! Spero di trovare anch'io campo fertile per le mie idee e che tutto ciò dia i suoi frutti, come li ha dati il mio ulivo...

20 agosto

Tre mesi, triste anniversario di una triste ricorrenza.
Ho trovato varie bacinelle e scodelle di uva tornando a casa...
La vite ci ha regalato anche quest'anno i suoi dolci e succosi frutti...
...e la vita anch'essa ci sta dando nuove occasioni, nuove amicizie, nuovi stimoli.
La nuova casa è ampia e spaziosa, un bel giardino, una bella veduta, la padrona di casa, che peraltro non vuole farsi chiamare così perchè dice che noi siamo padroni solo di noi stessi, è una donna speciale e le voglio un gran bene e con tutto quello che ha passato e il suo modo di ragionare, mi sta dando forza, anche quando a volte mi prende lo sconforto.

Anche questa vita dará i suoi frutti....

----------------------

10 dic

....ghiaccio, neve...fuori e dentro di me.
La vite ha dato i suoi ultimi frutti a ottobre dopodiché rinsecchita ha cominciato a staccarsi dal muro e cadere...riversa a terra come cadavere.
Anche il fiore sulla porta è rinsecchito e l'ordinanza appare davvero come un epitaffio, una triste effige della situazione.
Beh, immagino che mi sto lamentando troppo...ma nella quotidianità non ne parlo di perché odio sentire piagnucolare, anche se si tratta di me..ma i pensieri è inevitabile che vanno per fatti loro e siccome lo scrivere mi è di sfogo,le riporto qui...
in un luogo senza spazio, senza odore, senza materia, quasi senza tempo in cui le parole sono silenziose come i miei pensieri...